La gestione dei PFU in 10 domande

Per domande più specifiche, vi invitiamo a visitare le sezioni presenti sul lato destro di questa pagina.
Se invece vuoi scaricare la versione integrale in pdf, clicca qui.

 

 

 

 

Cosa cambia per il cittadino con il nuovo sistema?

Il cittadino ha piena visibilità del contributo che gli viene chiesto e che è necessario al trattamento completo del Pneumatico Fuori Uso (PFU) che genera con il cambio di pneumatico e non è più esposto a manipolazioni commerciali (ricarichi e sconti).

Il cittadino ha inoltre la certezza che quanto paga è un valore sottoposto a controllo da parte delle Autorità e che davvero serve ad effettuare un trattamento completo e corretto.
Non è nemmeno più sollecitato a portarsi via i propri PFU e non ne vedrà più abbandonati, e sarà certo che il recupero avviene nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute delle persone.

TORNA SU

 

 

Il contributo ambientale è una nuova tassa?

No, non è una tassa ma l’importo necessario per contribuire al completo trattamento dei PFU; si tratta della razionalizzazione – sotto il controllo del Ministero dell’Ambiente – di un costo che l’automobilista sosteneva già.

Il contributo ambientale è una disposizione contenuta nel Decreto 11/04/2011 n.82. Tale contributo è stato evidenziato in tutti i documenti fiscali di vendita dei pneumatici e quindi reso visibile e valutabile in ogni passaggio. Sostituisce un costo incluso da anni nel prezzo di acquisto e montaggio di pneumatici nuovi e dovuto ai costi di recupero che il gommista deve supportare nell’esercizio della sua attività. Uno degli obiettivi del nuovo sistema è di rendere trasparente e chiaro il valore del contributo.

TORNA SU

 

 

Come vengono impiegate le risorse raccolte con il contributo ambientale?

Sono risorse che vanno interamente a coprire i costi di trasporto e lavorazione dei PFU, in una operazione che i produttori/importatori – direttamente o attraverso forme associative – effettuano senza fini di lucro.

L’importo del contributo ambientale è definito annualmente dal Ministero dell’Ambiente. Le risorse raccolte vengono utilizzate per coprire i costi di trasporto dei PFU dai gommisti agli impianti e i costi di lavorazione. Da tale gestione non può derivare nessun utile; eventuali avanzi sono spostati sulla gestione nell’anno successivo e, per una quota del 30%, vengono messi a disposizione del Ministero dell’Ambiente e destinati ad operazioni di bonifica dei vecchi stock storici di PFU presenti un po’ in tutta Italia.

TORNA SU

 

 

Il contributo ambientale è un importo fisso oppure no?

No, è un importo variabile in relazione al tipo di pneumatico e potrà diminuire nel tempo man mano che il sistema nel suo complesso sarà entrato a regime.

I rifiuti si gestiscono in base al peso; si ha, quindi, un costo diverso per recuperare e trasformare un pneumatico da vettura rispetto a quello di un mezzo pesante. Per questo sono visibili presso il gommista i diversi importi associati alle diverse tipologie di PFU.
Inoltre, il sistema garantisce al cittadino il migliore servizio al costo più equo, in una dinamica che nel tempo potrebbe far registrare anche una diminuzione del contributo ambientale.

TORNA SU

 

 

Chi garantisce che, a fronte del contributo ambientale, i PFU vengono effettivamente inviati a recupero?

Severi controlli, una rendicontazione dettagliata al Ministero dell’Ambiente e la presenza di pesanti sanzioni per i produttori.

Il nuovo sistema si fonda sul principio della “Responsabilità estesa del produttore”: ogni produttore o importatore di pneumatici che opera in Italia è responsabile di raccogliere ed inviare a recupero ogni anno una quantità di PFU pari in peso a quelli nuovi immessi nel  mercato nazionale del ricambio l’anno precedente.
L’adempimento a tale obbligo è oggetto di una rendicontazione dettagliata al Ministero dell’Ambiente che verifica che ogni produttore raccolga e invii a recupero il 100% della propria quota di responsabilità.

TORNA SU

 

 

Non si rischia che, nonostante il nuovo sistema e il contributo dell’automobilista i vecchi pneumatici finiscano comunque per invadere prati e campagne?

No, il sistema agisce puntando sulla collaborazione del gommista/autofficina e su controlli capillari e continui su tutti i movimenti dei PFU.

Obiettivo del nuovo sistema è proprio quello di arrestare il flusso continuo di pneumatici che finiscono in discariche illegali, o di cui comunque si perdono le tracce.
Come? Il gommista riceve un servizio di ritiro continuo e per lui gratuito, che facilita la raccolta iniziale. Il nuovo sistema garantisce inoltre il monitoraggio complessivo di tutti i flussi e gli spostamenti dei PFU dall’autofficina o gommista, fino al recupero dell’impianto di destinazione finale, rendendo la vita difficile a chi volesse tentare la strada dell’illegalità.

TORNA SU

 

 

Che fare se si vedono PFU abbandonati o si posseggono in casa?

Il singolo cittadino che dovesse incontrare dei depositi di PFU al di fuori delle aree autorizzate allo stoccaggio deve contattare l’azienda municipalizzata o concessionaria per la raccolta dei rifiuti o la polizia locale (e più in generale le Forze dell’Ordine o il Corpo Forestale dello Stato) e segnalare il luogo dell’abbandono.
Il privato che desiderasse liberarsi degli pneumatici fuori uso in proprio possesso, deve contattare l’isola ecologica o il centro di raccolta di riferimento per la sua zona e conferirvi il rifiuto (talvolta gratuitamente e talvolta dietro pagamento del corrispettivo  necessario per il trattamento).

Questo perché il deposito, il trasporto, lo stoccaggio e il trattamento dei PFU, inquadrato come rifiuto speciale non pericoloso, deve avvenire in spazi autorizzati da personale qualificato e in possesso dei requisiti di legge per il trattamento del rifiuto in questione. Lo sversamento in zone non adibite alla raccolta PFU è punito dalla legge, al pari di qualsiasi altro rifiuto.

TORNA SU

 

 

Come si tiene sotto controllo il cittadino che cambia le gomme da sé?

In realtà, non esiste la possibilità che privati cittadini possano sostituire un pneumatico da soli, a casa propria!

Per garantire l’adempimento completo e sicuro delle funzioni del pneumatico, al momento della sua sostituzione è indispensabile :
- scegliere pneumatici idonei allo specifico veicolo e asse (misura, codice di velocità, indice di carico, tipo);
- installarlo sul cerchio di metallo, con una particolare macchina che permette sia di rimuovere il precedente pneumatico che di fissare il nuovo
;
- equilibrarlo unitamente al cerchio con equilibratrice dinamica
;
- fissare la ruota così realizzata (pneumatico + cerchio) al veicolo stringendo i bulloni con chiave dinamometrica;

- verificare eventualmente gli angoli geometrici caratteristici (convergenza, campanatura e incidenza), soprattutto se vi sono segni di consumo irregolare sul pneumatico staccato.
Il progressivo cambiamento della forma (sezione) dei pneumatici, con allargamento del diametro di calettamento e della sezione, ha reso sempre più delicata l’operazione di cambio dei pneumatici, che deve essere eseguita da specialisti, con macchine tecnicamente sempre più sviluppate allo scopo; il trattamento dei PFU risultanti, fa parte del completamento del servizio da parte del centro specializzato. Il cambio di pneumatici in proprio non è quindi attuabile.

TORNA SU

 

 

I pneumatici fuori uso sono rifiuti pericolosi?

No, il PFU è un rifiuto speciale non tossico nocivo; è peraltro molto stabile nel tempo e resistente alle condizioni atmosferiche, come si può notare dalla presenza costante di pneumatici nella vita quotidiana di tutti.

Proprio per questa loro stabilità, i PFU possono diventare negativi per l’ambiente perché lo deturpano, senza possibilità di biodegradazione.
Anche la prassi in vigore fino a pochi anni fa di metterli in apposite discariche, è stata ritenuta ambientalmente non corretta fin dal 2006, sia per l’eccessiva occupazione di spazi comunque scarsi sia per l’insensatezza di mettere sotto terra un oggetto di alto valore per recupero di materiale e di energia.

TORNA SU

 

 

Cosa succede se un PFU prende fuoco?

Se il PFU prende fuoco in ambiente libero (cioè non in apposito forno in cui tale processo avviene in tutta sicurezza per la salute e l’ambiente evitando la dispersione di sostanze nocive), si formano fumi e percolati di natura tossico-nociva.

Si possono contaminare il terreno e le falde acquifere circostanti, e si può sviluppare un fumo denso e scuro, che oltre a limitare la visibilità, può avere un impatto dannoso sulla salute umana e sull’ambiente. In tali circostanze, dunque, è fondamentale l’intervento tempestivo e la gestione da parte di personale specializzato dei vigili del fuoco per contenere e minimizzare l’impatto per l’ambiente e per i cittadini.

TORNA SU

PFU Academy