Organigramma Ecopneus

Organigramma Ecopneus

Per l’organizzazione, la gestione e il controllo delle attività, Ecopneus ha scelto come riferimento il Modello 231/2001, ossia l’insieme di principi, procedure e disposizioni emanate dal Decreto Legislativo 8 giugno nr. 231 sulla responsabilità penale delle persone giuridiche. A ulteriore garanzia della legalità nelle relazioni con gli stakeholder Ecopneus ha adottato un Codice Etico di principi di deontologia aziendale per orientare le azioni e i comportamenti di tutti coloro che sono coinvolti nella gestione delle attività. Gli organismi di controllo includono il Collegio Sindacale, con funzioni di verifica del rispetto delle prerogative di legge, delle regole statutarie e della veridicità e correttezza dei bilanci di esercizio, e l’Organismo di Vigilanza, con funzioni di sorveglianza per gli aspetti di responsabilità civile e penale dell’amministrazione.

In questa solida cornice di governance, la soluzione operativa scelta da Ecopneus per l’organizzazione delle attività di raccolta, trasporto e recupero dei PFU è stata quella di avvalersi in outsourcing delle prestazioni di una rete di imprese specializzate selezionate sul mercato. L’indirizzo e il controllo della gestione nei suoi aspetti strategici sono invece mantenuti in capo a una ristretta struttura direzionale altamente qualificata, supportata da un solido sistema di business intelligence per la pianificazione, il monitoraggio e la tracciabilità dei flussi di PFU gestiti. Nella scelta di non dotarsi di alcun asset produttivo proprietario e di limitare al minimo la struttura direzionale rivolgendosi, all’occorrenza, al supporto di consulenze esperte, in altre parole il non dover considerare alcun interesse di remunerazione di capitale investito nella gestione dei PFU, Ecopneus vede una ulteriore garanzia di efficienza e di trasparenza verso gli stakeholder.