Equitazione

Superfici in gomma riciclata per l’equitazione

Superfici per l’equitazioneAll’interno di maneggi e scuderie, un’adeguata superficie in gomma per l’equitazione garantisce al cavallo un appoggio morbido e confortevole, isola da pavimenti umidi, freddi o caldi, sopperisce alle irregolarità del pavimento, migliora notevolmente l’igiene in scuderia e annulla il rischio di scivolamento. Inoltre, l’utilizzo di questa soluzione consente di ridurre notevolmente, e in alcuni casi di eliminare del tutto, i costi per il materiale da lettiera normalmente utilizzato come truciolo o paglia.

Buona parte della giornata, però, cavalli e cavalieri la passano nei campi di lavoro all’esterno che sono solitamente realizzati in sabbia, un materiale che durante la pratica sportiva può rilasciare delle polveri fini che possono essere causa dell’insorgenza di patologie respiratorie connesse alla “silicosi”. Questa patologia respiratoria è molto frequente nel cavallo ma colpisce anche cavalieri e amazzoni, che passano molte ore su queste superfici. Il calpestio degli zoccoli del cavallo, così come il continuo consumo dei granelli di sabbia, rilascia nell’aria delle micro particelle di silice che si depositano negli alveoli polmonari, provocando danni anche gravi.

Anche in questo caso è la gomma riciclata dei Pneumatici Fuori Uso ad arrivare in soccorso: sostituendo la sabbia con granuli di gomma riciclata, sia integralmente che con miscele di sabbia e gomma, la dispersione di polveri nell’aria si riduce in modo così consistente che in alcuni casi non è neanche necessario bagnare l’area esterna prima di iniziare il lavoro con il cavallo.

Questa tipologia di superfici per l’equitazione in gomma riciclata sono state già installate, ad esempio, al Centro Ippico Tashunka di Todi e al Centro ippico Happy Horse di Orvieto. Da qualche anno inoltre Ecopneus, insieme a UISP, ha arricchito la sua presenza a FieraCavalli, tra i principali appuntamenti internazionali sull’equitazione, installando un campo da lavoro in gomma riciclata all’interno della Fiera, dove sono svolte attività e gare, come anche il Trofeo Ecopneus-Uisp.

Tutti i vantaggi delle superfici in gomma riciclata per l’equitazione:

  • Riduzione delle lesioni agli arti a lungo termine nell’animale
  • Antiscivolo e antisdrucciolo, resistente alle sollecitazioni degli zoccoli dell’animale
  • Aumento del comfort e della salute dell’animale, ammortizzandone i movimenti ed eliminando il pericolo dei fondi scivolosi
  • Applicazione su qualsiasi tipo di superficie anche irregolare come erba, terra o sabbia
  • Facile installazione e adattamento a qualsiasi forma e a qualsiasi estensione
  • Durata, resistenza all’usura e alle intemperie, riduzione dei costi di manutenzione o sostituzione
  • Igienicità, facilità di pulizia e di isolamento da fondi sporchi e liquidi di deposito
  • Isolamento acustico, con attenuamento del rumore da calpestio in scuderia

Brochure equitazione

Se vuoi saperne di più sui vantaggi e le caratteristiche delle superfici per l’equitazione in gomma riciclata da PFU, scarica la nostra brochure dedicata “Pavimentazioni in gomma riciclata: il futuro di maneggi e scuderie ha un nuovo terreno“.

 

 

Una cavalla può essere allergica al fieno? Scopri la storia della cavalla Juanita e di come sia guarita grazie alle superfici per l’equitazione in gomma riciclata!

Juanita è una cavalla araba di 13 anni che ha un insolito problema, almeno per un cavallo: è allergica al fieno. Ma al centro ippico Tashunka di Todi non si sono persi d’animo e hanno risolto il problema di Juanita grazie a delle superfici in gomma riciclata per l’equitazione. Queste pavimentazioni, infatti, oltre ad offrire una superficie confortevole all’animale, consentono di eliminare quasi del tutto il ricorso ai materiali da lettiera, facilitando le operazioni di pulizia in scuderia, tagliando i costi, ed aumentando notevolmente l’igiene e la salubrità degli ambienti, per la soddisfazione dei gestori degli impianti e dei cavalli come Juanita.

Lo studio del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Perugia

Studio Univ. Perugia a OrvietoUn recente studio promosso da Ecopneus e UISP, condotto dal Dipartimento di Veterinaria dell’Università di Perugia e coordinato dal Prof. Marco Pepe, ha confermato come le superfici in gomma riciclata per l’equitazione siano degli ottimi fondi di allenamento e di svago del tutto analoghi ai migliori campi in sabbia almeno per le andature in piano e per il dressage, consentendo inoltre un buon comfort di utilizzo sia per il cavallo che per cavalieri e amazzoni. Lo studio è stato presentato anche nel corso di FieraCavalli 2018.

Negli ultimi 30 anni, infatti, nel settore dell’equitazione sono stati introdotti notevoli accorgimenti relativamente alle varie superfici utilizzate come campi di gara o di allenamento, sia nel salto ostacoli sia nel dressage. Si è passati da terreni in erba, spesso poco regolari e di diversa compattezza, a superfici in sabbia, più soffici e apparentemente sempre più confortevoli e performanti in diverse condizioni climatiche. Da qualche anno, Ecopneus e UISP stanno lavorando alla messa a punto di un ottimale campo di equitazione completamente in gomma riciclata da PFU. I vantaggi, ad oggi, sono diversi: sul piano economico il campo è più duraturo dei manti erbosi naturali e non richiede costi di irrigazione e cure fitosanitarie. La gomma riciclata consente di non avvalersi di altre materie prime più costose, trovando allo stesso tempo una destinazione d’uso per un valido materiale derivato da un prodotto a fine vita. I granuli di gomma aumentano il comfort di cavallo e cavaliere, e facilitano il drenaggio dell’acqua piovana.

Studio e metodologie

Lo studio dell’Università di Perugia è stato svolto presso il Centro Ippico Happy Horse di Orvieto dove è stato realizzato un campo di equitazione (che chiameremo PFU1) composto da uno strato di piastre in gomma riciclata e uno strato di granuli di gomma riciclata, che è stato poi modificato aggiungendo uno strato di erba sintetica (e che chiameremo PFU2).

Nello studio pilota è stato utilizzato un Equinosis® Q con Lameness Locator® ovvero un sistema digitale, che in tempo reale consente al medico veterinario di misurare oggettivamente le andature del cavallo con sensori inerziali non invasivi. L’Equinosis® Q con Lameness Locator®, che si è evoluto dallo sviluppo di algoritmi di analisi del movimento utilizzando una telecamera ad alta velocità e un sistema basato su treademill, è considerato da molti esperti del settore uno strumento di misurazione oggettivo “gold standard” per la valutazione in campo delle irregolarità delle andature del cavallo.

Nello studio sono stati inclusi 14 cavalli di età compresa tra gli 8 e i 32 anni (con una media di 16 anni). Ognuno dei soggetti è stato sottoposto a una visita clinica per valutare la presenza di eventuali zoppie. In seguito alla visita clinica i cavalli sono stati divisi in due gruppi: “fit to compete” (9 soggetti) e “non-fit to compete o lame” (5 soggetti). Una volta assegnati i cavalli alle due categorie si è proceduto, tramite l’Equinosis® Q con Lameness Locator®, all’analisi oggettiva dell’andatura al trotto, in linea retta, alla longia e poi  montato sulle 3 diverse superfici: Sabbia, PFU 1 e PFU 2.

I risultati dello studio

Da questo studio preliminare, le superfici in gomma riciclata per l’equitazione possono essere ritenute simili alla superficie in sabbia, ritenuta al momento la migliore.  Le prestazioni dei cavalli sono analoghe, con lievi scostamenti nei cavalli con zoppia.  In più, i granuli di gomma permettono un buon comfort di utilizzo, e sono degli ottimi fondi di allenamento e di svago almeno per le andature in piano e per il dressage. Si ritiene che si debbano approfondire le proprietà ammortizzanti e l’elasticità del fondo, che potrebbero garantire un miglioramento nella prevenzione delle patologie tendinee, legamentose e articolari.